sabato 22 gennaio 2011

Il Capodanno degli alberi a Pitigliano


"
L'unico ricordo che abbiamo in comune  io e la Sig.ra  Elena Servi, Presidente dell'Ass.ne " La Piccola Gerusalemme " a Pitigliano è  che  suo nonno ed  il mio bisnonno  erano amici. Questo non è  un particolare  importante,  mi fa tornare in mente  però, quando  da  bambina passavo ore ad ascoltare il bisnonno che raccontava storie mentre  io  rimanevo con la bocca  rispettosamente semiaperta e 
un' espressione necessariamente  ebete. 
Era un partigiano il mio bis-nonno, un uomo di grande spessore umano e culturale, fornito di un audace spirito ironico.   
Il bisnonno certamente gli Ebrei di Pitigliano li avrà sempre rispettati.
Forse per il ricordo di lui, forse per l' emozione che mi trasmette Elena, io rispondo all'istante se lei mi  chiama e  fissa  un appuntamento per  consegnarmi  il libro di Philippe Haddad   "L'ebraismo spiegato agli amici"
Elena Servi  sta dedicando il suo  tempo per farmi  conoscere e comprendere  l'ebraismo.
Io l' ascolto e lei  mi informa sulla  "Festa del  Capodanno dell’Alberi"   come veniva festeggiato qui a Pitigliano, tanto tempo fa.

Il Capodanno degli Alberi, Rosh Ha-Shanà Lailanot, cade nel mese di gennaio o febbraio del nostro calendario. E' una festa  molto sentita e  antica. 
Il significato profondo della ricorrenza è la  funzione dell'uomo sulla terra,
del rispetto che l'uomo deve alla  la natura e il dovere che ha nell'amministrarne i beni che
la natura stessa  fornisce. 
Una storia ebraica che trascrivo, tratta dal Talmud,  spiega ancora meglio quello che volevo dire:

" Un uomo vide un altro uomo piantare un albero di carrubo e gli chiese:  Quanto dovrai aspettare prima di aver i frutti? . L'uomo rispose  - Credo almeno 70 anni-  Allora, il primo uomo continuò -sei sicuro di poterli mangiare?-. L’altro rispose - Io sono nato ed ho trovato i carrubi, se i miei padri li hanno piantati per me, io li pianto per i miei figli -".

A Pitigliano - mi racconta Elena Servi - noi Ebrei non piantavamo alberi durante la festa, ci limitavamo a festeggiare mangiando molta  frutta fresca o anche secca.
-Il ricordo più forte che ho del Capodanno degli Alberi -  continua Elena- ed  i suoi occhi si stringono quasi  a scomparire,-  è l'odore dei mandarini che mi venivano regalati sempre  avvolti  nella carta bianca e frusciante.
I mandarini erano al tempo molto ricercati, erano preziosi. 
Ricordo quando  in classe con tutti gli altri bambini  entrò il Rabbino per consegnarci  ad uno ad uno i mandarini nella loro carta bianca. .
Era il suo regalo per a noi piccoli studenti Ebrei di Pitigliano. 
-La classe che io frequentavo-  continua  Elena-  si trovava  nel piano superiore della biblioteca del Ghetto di Pitigliano. 
Ormai la Biblioteca e la scuola sono crollate e tu, purtroppo  non puoi vederle.
E' vero, Elena ,  non posso vedere quello che  andato distrutto, ma grazie  alle cose che mi trasmetti  posso raccontare,  per non  dimenticare.















3 commenti:

  1. Complimenti per il tuo blog, ho "sfogliato" tutte le pagine e mi è piaciuto moltissimo. Veniamo ogni tanto (io sono nata e cresciuta all'Argentario ma abito a Verona da alcuni anni) e amiamo Pitigliano e il territorio intorno, Sorano, Sovana... Torneremo presto...

    RispondiElimina
  2. Grazie mille Valeria,
    non sai quanto è utile il tuo commento che arriva in un momento di scarsa motivazione a continuare!
    Grazie,
    ricomincerò a scrivere nel mio blog..:))

    RispondiElimina
  3. La condizione della donna è la diaspora che nell’attualità appare enunciata dal confronto con le culture migranti, sebbene da almeno due millenni le nuove religioni vi apposero dei marchi etici che al confronto con la moderna percezione del diritto e del giusto mostrano notevole obsolescenza. Dal Gennaio 2011 un nuovo testo disquisisce la tematica esponendo le basali induzioni che producono un approccio etico sminuente o subordinante nei confronti della femmina e adeguato anche alla stregua di manuale per prevenire i pericoli nascosti nei moti interpersonali, qualora le religioni vi aggreghino un influsso di rilievo. L’argomento primario è implementato con una scansione della vita di Gesù nella Galilea, osservata con uno scrupolo investigativo moderno e adeguato nell’evidenziare degli aspetti denotanti gli errori interpretativi, che i padri fondatori della Chiesa Cattolica potrebbero aver commesso, e gravato sulla figura femminile. L’occidente è sede della cultura emersa dominante nella storia e la questione “condizione della donna” come la conosciamo è anzitutto la deriva più eclatante delle impostazioni della Chiesa Cattolica ai suoi primordi. Aiuta inoltre a comprendere gli eventi del nostro tempo, quando le religioni appongono dominanti ruoli identificanti.
    http://static.lulu.com/product/copertina-rigida/la-femmina-in-trappola/14852388/thumbnail/320

    RispondiElimina